h1

“Ma che domenica bestiale…”(progetto GPU sponsor Provincia di Milano)

marzo 17, 2011

DOMENICA 18 SETTEMBRE 2016

Presso la sede degli Alpini veniamo accolti dall’associazione genitori insieme durante la festa delle Culture:

festa-18-settembre


  DOMENICA 24 AGOSTO

Prima si camminaPasseggiata

Poi ci si riposa… Riposo

Infine, finalmente…la merenda!

Merenda

________________________________________________________

 100_0532

Domenica 6 ottobre 2013

Ci stiamo organizzando per andare a visitare Volandia nel pomeriggio. Per chi vuole conoscere l’associazione ecco un’occasione da non perdere!

________________________________________________________________________________

UNA NUOVA ATTIVITA’!

E’ iniziata la bella stagione ed è bello uscire, passeggiare per le strade e incontrare gli amici. Vogliamo quindi lanciare una nuova attività: il “giro delle merende”. In cosa consiste? Troviamo una famiglia disponibile ad accoglierci e …ad offrirci una merenda, Un’attività sicuramente bella per noi, ma pensiamo anche gradevole per chi ci ospita.

Qualcuno vuole ospitarci? Forza, fatevi avanti!

_________________________________________________________

Domenica 20 Gennaio 2013 grande festa presso l’Oratorio Maschile di Parabiago. L’appuntamento è per le h. 15,00…noi andremo un poco più tardi. Ci sarà la presenza di diverse associazioni di disabili ed avremo modo di divertirci e di fare nuove conoscenze…

Domenica 13 gennaio 2013, per esempio, andremo a Cascina Elisa (Samarate) a visitare un presepe che, ci hanno detto, essere molto bello: vi sapremo dire!_________________________________________________________

Il progetto sotto descritto ha avuto avvio nel 2011 e continua tuttora, positivamente, autofinanziato dall’associazione. L’atmosfera che si “respira” la domenica pomeriggio è davvero bella: vale la pena di provare a passare e vedere di persona e magari…fermarsi…per una buona merenda…

In questo periodo invernale stiamo all’interno del Centro Oasi a giocare e a rilassarci, ma faremo in modo di comunicare le attività “extra” programmate.

Domenica 13 gennaio 2013, per esempio, andremo a Cascina Elisa (Samarate) a visitare un presepe che, ci hanno detto, essere molto bello: vi sapremo dire!_________________________________________________________

CERCHIAMO VOLONTARI…

Progetto: “Ma che domenica bestiale”

Considerato che:

  • L’associazione GPU da anni svolge un’attività di sostegno alle famiglie di persone disabili offrendo i seguenti servizi tutti svolti a titolo gratuito:
    • servizio trasporti quotidiano verso i centri diurni e riabilitativi con l’utilizzo di mezzi attrezzati
    • attività di judo una volta la settimana svolta presso una palestra tramite istruttori specializzati
    • organizzazione di gite, feste, manifestazioni culturali rivolte alla popolazione
    • prestito di piccole somme di denaro senza interessi
    • servizio “baby sitter” a fronte di particolari emergenze familiari
    • servizio “baby sitter” in concomitanza con i momenti di apertura della sede il venerdì sera e la domenica pomeriggio consecutivamente da tredici anni
  • I genitori ed i volontari dell’associazione non riescono a soddisfare appieno il bisogno di sostegno espresso dal territorio
  • I genitori dei disabili che svolgono servizio di volontariato stanno invecchiando e non riescono a proporre attività capaci di attrarre famiglie con ragazzi disabili “giovani” e di conseguenza di favorire un ricambio di volontari genitori o amici
  • Anche fra gli associati, ed in particolare fra le famiglie monoparentali, è stata espressa l’esigenza di un servizio, soprattutto la domenica pomeriggio, che funga da sostegno alla ormai difficile permanenza del disabile al domicilio
  • I giovani che si riescono ad avvicinare all’associazione istaurano poi rapporti positivi con i disabili ed in qualche modo si coinvolgono in qualche attività
  • Risulta tuttavia difficile trovare le proposte giuste che avvicinino i giovani all’associazione anche perché sul territorio si sta assistendo ad un momento di “crisi” valoriale
  • Si ipotizza che l’idea di offrire una piccola somma di denaro ai giovani che offrano delle ore-lavoro possa essere un buon deterrente per avvicinarli all’associazione e coinvolgerli, anche per il futuro gratuitamente nelle attività

Si intende potenziare l’attività domenicale attraverso il coinvolgimento di quattro giovani che presteranno attività dietro compenso (pagamento tramite voucher). Questi usufruiranno dell’appoggio dei volontari dell’associazione, presenti durante lo svolgimento delle attività.

Attualmente il GPU garantisce l’uscita domenicale a circa sette disabili. Con la presenza dei giovani aumenterà il numero dei disabili beneficiari.

Ai giovani si chiederà di:

  • Accompagnare i disabili dal domicilio e seguirli durante tutta l’attività, riaccompagnandoli in famiglia al termine del pomeriggio. I mezzi di trasporto utilizzati saranno quelli dell’associazione.
  • Organizzare l’attività della domenica.

I frequentanti parteciperanno all’attività a titolo gratuito.

L’associazione, a fronte di una domanda più ampia di quella prevista e nel futuro, si farà carico di sostenere comunque il progetto attraverso il coinvolgimento della comunità locale.

Proprio perché i genitori che frequentano l’associazione stanno invecchiando, il GPU ha già progettato l’apertura di una Comunità Familiare (“Oasi Domus”) che potrà essere implementata appena il Comune di Busto Garolfo assegnerà lo stabile già identificato. All’interno dell’Oasi Domus potranno trovare risposta residenziale, definitiva o provvisoria, sei persone disabili. Tre di queste, presentando ormai un bisogno emergente, dovrebbero trovare accoglienza il prima possibile.

L’associazione è tuttavia consapevole che le tre persone disabili necessitanti di ricovero rappresentano la punta dell’iceberg di una serie di necessità sommerse. Solo facendo riferimento agli associati sono state identificate n° 18 famiglie che avrebbero la necessità di essere alleggerite, la domenica pomeriggio, dal peso dell’assistenza del congiunto disabile per evitare che la situazione evolva verso il ricovero.

Attività:

Fase A

  • Ricerca “accompagnatori” e loro approccio all’associazione

L’associazione intende stilare un elenco di giovani interessati al progetto da utilizzare, come già descritto, per la domenica pomeriggio. Per fare questo si incaricherà di:

  • Informare il territorio tramite:
  1. Contatti con i Servizi Sociali del Comune
  2. Contatto con l’Oratorio
  3. Identificazione di nominativi di studenti
  4. Utilizzo blog dell’associazione
  5. Contatti con altre associazioni di volontariato del territorio
  • Conoscere le persone identificate tramite tre incontri strutturati
  •  Stendere l’elenco dei giovani disponibili all’esperienza

Fase B

  • Identificazione di quattro “accompagnatori” per l’attività della domenica pomeriggio
  • Abbinamento giovani / disabili
  • Inizio attività con il costante monitoraggio e affiancamento dei volontari dell’associazione

Fase C

  • Organizzazione dell’attività della domenica a cura dei giovani
  • Uscite per disabili con famiglie che necessitano di un momento di relax

Si ritiene, in considerazione della frequenza settimanale dei disabili presso i Centri Diurni, che le proposte di coinvolgimento debbano consistere sostanzialmente in:

    • piccole uscite sul territorio
    • partecipazione a manifestazioni già organizzate
    • frequentazione di ambienti ad accesso libero (oratori, bar…)
    • proiezione di video cassette
    • merenda
    • ascolto di musica…

Come precedentemente riportato, l’associazione ha identificato n° 18 famiglie necessitanti dell’intervento di “custodia” domenicale del disabile. (I figli presentano quali tutti un’invalidità grave o medio grave).

Di queste:

  • 9 sono monoparentali
  • In 5 uno dei due genitori soffre di problemi di salute
  • 4 disabili hanno entrambi i genitori deceduti

Inoltre, rispetto alle conoscenze dei disabili presenti sul territorio che hanno avuto contatti con l’associazione pur non avendo effettuato l’iscrizione, si possono contare ulteriori 3 situazioni meritevoli di intervento.

Attualmente il GPU riesce a garantire l’uscita settimanale domenicale a soli 7 disabili.

Risultati attesi:

a)      Risposta al bisogno di “custodia” domenicale fuori casa del figlio disabile

Indicatore: presa in carico di almeno sei disabili (oltre ai sette già coinvolti nell’attività della       domenica pomeriggio) con famiglie monoparentali o con un genitore che soffre di problemi di salute o con entrambi i genitori deceduti

b)      Aumento delle famiglie con disabili “giovani” frequentanti l’associazione

Indicatore: Avvicinamento di almeno tre nuove famiglie

c)      Aumento del numero di volontari “giovani” frequentanti l’associazione

Indicatore: Avvicinamento di almeno cinque nuovi volontari “giovani” (aggiuntivi ai quattro giovani che lavoreranno con “compenso”)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: